l corso, rivolto a chi abbia già frequentato un corso base di alpinismo o di arrampicata libera o che possieda una adeguata esperienza

è finalizzato a fornire la formazione necessaria ad affrontare in autonomia itinerari di arrampicata su roccia in ambiente.

Saranno trattate le tecniche di progressione in cordata, la preparazione e condotta di una salita, le manovre di discesa in corda doppia e quelle fondamentali di autosoccorso

con lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche. Numero massimo dei partecipanti 10.

Sarà effettuata eventualmente una selezione pratica di ammissione.


Programma
FULL IMMERSION                  dal 3 al 10 ottobre in Sardegna, zona Cala Gonone (NU) e dintorni.


Principali argomenti trattati: equipaggiamento e materiali, tecniche di assicurazione, soste, ancoraggi, utilizzo di protezioni veloci, calata in corda doppia, catena di sicurezza, preparazione di una salita, lettura delle guide, scala delle difficoltà, allenamento, gestione e coordinamento dei soccorsi, autosoccorso della cordata.

Organizzazione del corso      Direttore: Luca Ferrandi (I.A.) - Vice-Direttore: Franco Dobetti (I.A.L.)

Nell’eventualità che il corso non possa essere effettuato in Sardegna, in alternativa potrà essere organizzato in Settembre–Ottobre 2020 nelle località dell’Arco Alpino.

Pubblicato in Arrampicata

Il progetto
L’Alpinismo giovanile ha lo scopo di aiutare i ragazzi dai 9 ai 14 anni nella propria crescita umana

proponendo l’ambiente montano come opportunità per vivere con gioia esperienze di formazione.

Per partecipare alle attività è obbligatoria l’iscrizione al CAI per l'anno in corso; è inoltre indispensabile essere muniti di zaino, scarponi e giacca a vento.

 

Domenica 6 Settembre
Arrampicata - impariamo a scalare in falesia, Pietra Parcellara, Valtrebbia (PC)

Per informazioni e richieste di adesione rivolgersi in sede CAI Treviglio sito: www.caitreviglio.it - mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in Alpinismo giovanile

Il corso, promosso dalla Scuola Intersezionale di Alpinismo e Sci Alpinismo “Valle
dell’Adda”, aperto ad un massimo di 12 partecipanti, si rivolge a tutti coloro i
quali si vogliano avvicinare al mondo dell’arrampicata, per apprendere le nozioni
e le pratiche necessarie ad affrontare itinerari di arrampicata in falesia; si darà
particolare importanza al movimento e all’uso corretto del proprio corpo.
E’ richiesta una preparazione fisica di base.
Al termine del corso la Scuola rilascerà agli allievi un attestato di partecipazione.
Le lezioni teoriche si terranno alle ore 21:00 presso la sede CAI di Inzago (MI).
Le lezioni pratiche si effettueranno in ambiente: località e date sono indicative e
potranno subire variazioni in relazione alle condizioni meteorologiche.
Organizzazione del corso:
Direttore: Mattia Guaragna (I.A.L.)
Vice-Direttore: Roberto Tontodonati (I.A.L.)
Iscrizioni ed informazioni: presso le sedi C.A.I. di Cassano d’Adda,
Inzago, Treviglio, Trezzo sull’Adda, Vaprio d'Adda.
Aggiornamenti:
www.scuolavalledelladda.it - facebook.com/scuolavalledelladda
Riferimento per la sezione di Treviglio:
Luca Ferrandi, presso la sede del CAI Treviglio in via Dei Mille 23/int

 

Calendario ed argomenti:
Lezioni Teoriche
07-04-20 Presentazione ed apertura del corso;
materiali ed equipaggiamento
21-04-20 Tecnica di arrampicata 1 (palestra indoor)
28-04-20 Tecnica di arrampicata 2 (palestra indoor)
05-05-20 Catena di sicurezza
12-05-20 Tecnica di arrampicata 3 (palestra indoor)
19-05-20 Storia dell'arrampicata libera
26-05-20 Chiusura del corso e consegna attestati di partecipazione
Lezioni Pratiche
25/26-04-20 Uscita in Valle d'Aosta con pernottamento
10-05-20 Falesia di Piona (LC)
17-05-20 Falesia di Predore (BG)
23/24-05-20 Uscita in Liguria con pernottamento
31-05-20 Eventuale giornata di recupero attività

Pubblicato in Arrampicata
Venerdì, 03 Gennaio 2020 16:10

Alimentazione in montagna

Che tipi di alimenti sono necessari e in che misura?


Il nostro corpo ha bisogno di avere una riserva di energia pronta da utilizzare, per fare questo è necessario non far mancare alcuni elementi che possono essere trasformati in energia nel corso dell’attività.
Tra le migliori fonti ci sono i carboidrati, come pane, pasta, patate e riso, che sono essenziali da assumere prima di mettersi in movimento così che l’organismo possa gradualmente trarre le risorse utili.

Per questa ragione, circa il 50% dell’alimentazione prima e durante il trekking deve essere costituita da carboidrati. Non dimentichiamo però che i muscoli, per svolgere al meglio la loro attività, necessitano anche di un apporto di zuccheri, come quelli contenuti nei farinacei e nella frutta, anche secca (che sono a più lento assorbimento garantiscono una riserva di energia più duratura).


I grassi

Il nostro organismo, in caso di necessità, può sempre fare affidamento su una corposa riserva di energia cui attingere quando rimane privo di carboidrati, si tratta dei grassi o lipidi (come olio, burro, lardo ecc.) che nella dieta di un escursionista non devono superare il 20%, con preferenza per i grassi di origine vegetale.I grassi accumulati nell’adipe sono certamente un’importante riserva energetica, ma bisogna ricordare che per la loro trasformazione l’organismo necessità di grande sforzo e una quantità di ossigeno doppia rispetto al consumo di carboidrati.


Le proteine

Le proteine (Carne, Pesce, Uova, Formaggi, Latte, Legumi), anche se meno importanti per la resa energetica, hanno il pregio di assicurare un fondamentale apporto di aminoacidi utili per la costruzione delle cellule e il loro ricambio.La percentuale di proteine mangiate da un’escursionista dovrebbe essere intorno al 30% del pasto giornaliero.


I consigli sui pasti importanti!

 
Iniziamo dalla cena della sera prima: se il giorno successivo la sveglia suonerà presto per andare a camminare, la sera sarà importante avere un menù adeguato allo sforzo che andremo a compiere e, quindi, ricco di alimenti che ci permettano di mettere da parte le energie.Le porzioni possono anche raddoppiare rispetto al solito e, contrariamente a quanto normalmente si fa, non possono mancare i carboidrati che costituiranno una buona riserva energetica, anche verdura e frutta non devono mancare, per il loro apporto di zuccheri.


Inoltre anche bere molti liquidi ci aiuta ad aumentare l’idratazione grazie anche al glicogeno, che aiuterà a trattenerli.


Una buona abitudine sarebbe eliminare il secondo per non caricare l’organismo di proteine che, per il tipo di attività che andremo a compiere, non sono così necessarie.

Pubblicato in Escursionismo
Sabato, 12 Ottobre 2019 01:20

7° Corso arrampicata libera AL1-2020

Promosso dalla Scuola Intersezionale di Alpinismo e Sci Alpinismo “Valle dell’Adda”,

Pubblicato in Arrampicata

CAI Treviglio


Via dei Mille 23 int.
24047 Treviglio - Bergamo
tel. +39 0363 47645
email: info@caitreviglio.it
PEC: treviglio@pec.cai.it

C.F: 93000200167

 

Seguici su facebook